La memoria dei fiori [Rywka Lipszyc]

€ 4,99 La memoria dei fiori

La memoria dei fiori è una straordinaria testimonianza della vita di una fanciulla ebrea vissuta nel ghetto di Lódz, grande città situata al centro del paese, negli anni della Shoà. Il suo diario fu rinvenuto da un medico militare tra le rovine dei crematori di Auschwitz-Birkenau nel 1945, ma verrà
finalmente pubblicato negli Stati Uniti e in tutto il mondo solo nel 2014.

Polonia occupata dai Nazisti, Aprile 1944. Rywka Lipszyc ha quattordici anni e vive nel ghetto di Lódz: ha perso i genitori e i suoi fratelli sono stati deportati. Le resta solo la sorellina Cipka: per provvedere a se stessa e alla piccola, Riwka lavora per lunghe ore in una fredda e malsana officina tessile. La quotidianità rassicurante di prima, gli affetti familiari, la scuola, gli amici e i giochi sembrano appartenere ad un passato lontano: ora compagni di ogni giorno sono la paura, la solitudine, la fatica e il freddo dell’infinito inverno polacco. Ma nell’inferno delle ore che trascorrono lente con il loro carico di pena, Rywka ha un luogo sicuro solo per sé: il suo diario, il suo rifugio personale dove esprimere se stessa, i suoi turbamenti, le sue emozioni di adolescente che vorrebbe vivere. Dove fissare sulla carta i momenti di fragile felicità, in cui l’avvenire sembra ancora dolce, come la primavera tanto attesa che sta finalmente per arrivare. Dove esorcizzare gli incubi e gli strazianti sensi di colpa di una bambina, che, in modo e tragico e assurdo, si domanda con tormento cosa avrebbe potuto fare per salvare la sua famiglia.

Il diario si interrompe nella primavera del 1944; sembra certo che Rywka sia stata deportata nell’agosto successivo. Ben presto le sue tracce si perdono ma la ragazza non risulta in nessun elenco dei deceduti. Forse Riwka, sostenuta dalla sua fede ingenua e forte, sarà riuscita finalmente a vedere la primavera della sua vita.

[27/01/2016]
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 voti) [4,00 su 5]
Loading...


Hai letto questo libro? Lascia il tuo parere !

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Connect with Facebook